Via Fratelli Bertolla, 15 - 21050 - Porto Ceresio (VA)

  • Home
  • News
  • Serre bioclimatiche: vantaggi e agevolazioni fiscali
Serre bioclimatiche: vantaggi e agevolazioni fiscali

Serre bioclimatiche: vantaggi e agevolazioni fiscali

La serra bioclimatica è un sistema prevalentemente vetrato, atto a chiudere uno spazio esterno adiacente all’edificio principale, molto efficiente dal punto di vista energetico, in quanto capace di catturare i raggi solari e trasformarli in energia, contribuendo a ridurre il consumo energetico dell’edificio principale.

Per approfittare al meglio della luminosità e per soddisfare i requisiti richiesti, elencati nel paragrafo successivo, è fondamentale studiare al meglio l’orientamento in fase progettuale. Una scelta tecnica ottimale dell’orientamento, preferibilmente esposto verso Sud, comporterà un consistente risparmio energetico ed un miglio confort all’interno della serra bioclimatica.

La serra stessa, deve essere dotata di un elemento che funga da corpo di accumulo termico, capace di assorbire il calore e rilasciarlo nelle ore più fredde.

Serre bioclimatiche: la normativa in Regione Lombardia

Con la D.G.R. n°X/2016 del 10.01.2014, Regione Lombardia ha approvato il documento “Criteri per il riconoscimento della funzione bioclimatica delle serre e delle logge, al fine di equipararle a volumi tecnici”, facendo comunque riferimento alle disposizioni comunali.

La possibilità di far rientrare le serre e le logge addossate all’edificio o integrate ad esso, all’interno della casistica dei “volumi tecnici”, consentirebbe di non essere computabili ai fini volumetrici, rispettando i seguenti criteri:

  1. La superficie netta in pianta della serra bioclimatica sia inferiore o uguale al 15% della superficie utile del subalterno a cui è collegata. La realizzazione di una serra bioclimatica di superficie maggiore del 15% è ammessa soltanto qualora, l’ampliamento di superficie sia consentito dallo strumento urbanistico comunale e con il conseguente versamento del contributo di costruzione per la sola parte eccedente, come da normativa vigente
  2. E' necessario che la serra consenta una riduzione minima del 10 % del fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale o riscaldamento del subalterno a cui è collegata. Tale riduzione non è richiesta qualora la realizzazione della serra bioclimatica avvenga nell’ambito di un intervento di ristrutturazione edilizia che coinvolga più del 25% della superficie disperdente dell’edificio a cui è addossata
  3. Al fine di evitare il surriscaldamento estivo, la serra deve essere provvista di opportune schermature
  4. La serra non deve essere dotata di impianto di riscaldamento e/o di raffrescamento
  5. Almeno il 50% delle superficie disperdenti della serra, devono essere costituite da elementi trasparenti (vetrate)

Il progettista incaricato, dovrà dimostrare i consumi ed i risparmi energetici redigendo la consueta Relazione tecnica ex Legge 10/1991, mentre alla fine dei lavori il soggetto certificatore dovrà produrre l’Attestato di Prestazione Energetica.

L’iter autorizzativo è il medesimo di un ampliamento, pertanto dovrà essere autorizzato dal Comune mediante titolo abilitativo ed accatastato alla fine dei lavori.

Serre bioclimatiche: quali sono i vantaggi?

 

I vantaggi principali di realizzare una serra bioclimatica, sono i seguenti:

  • recupero di una superficie fruibile, senza il versamento del contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione), in quanto come sopra specificato, sono esenti dal computo della volumetria
  • è una superficie pertinente all’abitazione o integrata, capace di scaldarsi da sola, pertanto senza costi relativi ai consumi energetici
  • nel periodo invernale, assorbe l’energia solare e la trasferisce anche nell’abitazione principale, favorendone il riscaldamento
  • nel periodo estivo, si mantiene fresca grazie alle ampie vetrate, facendo abbassare la temperatura in modo naturale anche nell’abitazione
  • è un ambiente molto luminoso, fruibile in tutti i periodi dell’anno

Serre bioclimatiche: quali sono le agevolazioni fiscali?

L’intervento di realizzazione di una serra bioclimatica ricade a livello urbanistico nella ristrutturazione edilizia, pertanto potrà beneficiare delle seguenti agevolazioni, contemplate all’interno della Legge di Stabilità 2020:

  • I.V.A. AGEVOLATA 10%: è prevista l’applicazione dell’aliquota I.V.A del 10%, sia per quanto concerne le prestazioni di servizi da contratti di appalto, sia per l'acquisto di beni, cosiddetti “finiti”
  • DETRAZIONE IRPEF 65%: anche per il 2020 è stato confermato l’Ecobonus, che prevede il recupero del 65% delle spese per un massimo di 60.000€, comprese le spese di progettazione e spese tecniche

Ricordo che per beneficiare di tale agevolazione è necessario effettuare i pagamenti mediante bonifico “parlante” con indicati i seguenti dati:

  • Causale del versamento: per i lavori di risparmio energetico va indicata la norma art. n°1, co. 344-347 della L. n°296/2006
  • Codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • Codice fiscale o partita I.V.A. del beneficiario del pagamento

Si ricordo infine che entro 90 giorni dalla data di fine lavori è obbligatorio effettuare la comunicazione all’ENEA.

Ultime novità

General Contractor e Superbonus 110%

General Contractor e Superbonus 110%

Generalmente nei lavori di ristrutturazione e riqualificazione le opere sono complesse, soprattutto in questo periodo a causa del superbonus 110%, il quale copre varie tipologie di interventi per la messa in sicurezza antisismica degli edifici ed il loro efficientamento energetico, con l’obbiettivo di migliorarlo di almeno 2 classi energetiche o puntare al conseguimento di quella più alta.

Leggi tutto...

Edilizia: aumento senza precedenti dei costi della materia prima

Edilizia: aumento senza precedenti dei costi della materia prima

Negli ultimi mesi sono raddoppiati i prezzi di molte materie prime provenienti da Cina, Corea, USA e sono dimezzate le forniture, portando quindi all’aumento dei pagamenti nei confronti di falegnami, carpentieri e
parchettisti.

Leggi tutto...

Bonus Idrico: in arrivo 1000€

Bonus Idrico: in arrivo 1000€

La manovra di bilancio 2021 prevede tra le varie misure a sostegno dell’edilizia, anche un bonus di 1000 euro da utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per la sostituzione di sanitari con nuovi apparecchi a scarico ridotto e la sostituzione di rubinetteria, soffioni e colonne doccia con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti.

Leggi tutto...

2020 Marco Prestifilippo Via Fratelli Bertolla, 15 - 21050 - Porto Ceresio (VA)

+39 340 6751090  geometraprestifilippo@gmail.com